“Le nostre azioni e i pensieri più elaborati, le nostre gioie e i nostri dolori più grandi, tutti impiegano il corpo come riferimento”
A.Damasio

Psicoterapia Sensomotoria

La psicoterapia sensomotoria è un approccio psicoterapeutico per il trattamento del trauma e per affrontare una vasta gamma di disagi psicologici. Utilizza il colloquio clinico portando l’attenzione all’esperienza somatica come punto di accesso e fonte primaria di informazione.

Le persone traumatizzate di solito avvertono e sono sopraffatte da una incontrollabile cascata di forti emozioni e sensazioni fisiche attivate da stimoli che evocano il trauma originario (immagini intrusive, torpore, incapacità a modulare l’arousal, incubi, angoscia, panico).

Le memorie traumatiche sono evocate da stimoli ambientali del presente, anche solo vagamente simili a quelli originari traumatici e provocano automaticamente reazioni di iper o ipoarousal del sistema nervoso vagale, che inibisce l’esercizio delle funzioni mentali superiori.

Il primo passo consiste nel riacquisire il senso di sicurezza e stabilizzare il livello di attivazione neurovegetativa attraverso una osservazione consapevole dell’esperienza corporea in un clima di rassicurante alleanza

Tale stabilizzazione risulta necessaria per procedere alle fasi successive della terapia in cui si rielaborano le situazioni traumatiche e si procede all’integrazione degli stati dell’io dissociati.

La psicoterapia sensomotoria – Sensorimotor Psychotherapy, nata negli anni ’80 negli Stati Uniti, fa riferimento agli studi e agli interventi del dott. Ron Kurt

Cosa considera…

La psicoterapia sensomotoria considera ogni esperienza di vita composta da cinque elementi, chiamati organizzatori centrali dell’esperienza:

– Sensazioni interne

– Impulsi al movimento

– Sensazioni inviate dai cinque sensi

– Emozioni

– Pensieri

Durante il percorso psicoterapeutico il paziente viene invitato a osservare in uno stato di mindfulness focalizzata la natura della sua esperienza nel momento presente. Questo processo porta gradatamente a scoprire le connessioni tra alcuni degli elementi costituenti l’esperienza presente: sensazioni fisiche, percezioni, movimenti, posture, stati emotivi, pensieri

Il terapeuta incoraggia l’osservazione delle risposte di difesa incomplete generate, nel passato, dagli eventi disturbanti. I “gesti” incompiuti, insiti in queste risposte fisiche incomplete, potranno essere portati a termine nel momento presente in modo adeguato e questo consentirà una elaborazione fisica dell’evento in grado di portare a una trasformazione “globale” e all’ integrazione del risultato ottenuto nella vita quotidiana

La psicoterapia sensomotoria aiuta le persone a diventare consapevoli delle vecchie tendenze ad azioni automatiche disfunzionali e a sperimentare varie alternative per portare a compimento ciò che è rimasto incompiuto, assimilando così l’esperienza traumatica all’interno della narrazione personale