“..soprattutto quando abbiamo a che fare col trauma, dobbiamo essere dolci”
Pierre Janet

Trattamento di Traumi (EMDR)

L’EMDR (Eye movement Desensitization and Reprocessing – Desensibilizzazione e rielaborazione attraverso i movimenti oculari) è nato come terapia per il trattamento dei traumi psicologici ed è diventato nel tempo un approccio psicoterapeutico efficace nel trattamento di una vasta gamma di disturbi psicologici

Le esperienze traumatiche possono consistere in:

  • Esperienze sfavorevoli e piccoli/grandi traumi subiti nell’età dello sviluppo. Le sofferenze più comuni dell’infanzia, ad esempio essere costantemente ignorati o deprivati dell’attenzione di un genitore, l’abbandono o la perdita, o ancora l’esperienza di rifiuto, possono non raggiungere il livello del trauma, ma lasciare segni nel cervello emotivo, creando distorsioni, dolore e rabbia nelle successive relazioni intime dell’individuo
  • Eventi stressanti nell’ambito di esperienze comuni (lutti, malattie, perdite finanziarie, conflitti coniugali) ed eventi stressanti al di fuori dall’esperienza umana consueta (disastri naturali o provocati dall’uomo)

L’EMDR si basa sul Modello di Elaborazione Adattiva delle Informazioni (AIP – Adaptive Information Processing) di Francine Shapiro secondo cui:

1) esiste un naturale sistema di elaborazione delle informazioni che permette all’uomo di riorganizzare le sue risposte agli eventi disturbanti, passando da uno stato di squilibrio disfunzionale a uno di risoluzione adattiva (adaptive resolution)

2) uno o più eventi traumatici o uno stato di stress persistente durante una fase di sviluppo possono disgregare questo naturale sistema di elaborazione delle informazioni.

3) l’applicazione del protocollo standard EMDR e la stimolazione bilaterale ristabilisce l’equilibrio nel sistema portando ad una ripresa dell’elaborazione delle informazioni che confluisce nella normale risoluzione adattiva

Le ricerche condotte su vittime di violenze sessuali, incidente, catastrofi naturali, indicano che il metodo permette una desensibilizzazione rapida nei confronti dei ricordi traumatici e una ristrutturazione cognitiva che porta a una riduzione significativa dei sintomi del paziente quali stress emotivo, pensieri invasivi, ansia, flashback, incubi

Questa metodologia utilizza i movimenti oculari o altre forme di stimolazione alternata destro/sinistra